fbpx
Missioni Sud Sudan Africa.Dona e aiuta l'associazione Tonjproject onlus

La guerra civile non ferma gli studenti del Sud Sudan

“Il mio corso di studi dura sei anni, ma a causa della guerra ci ho messo dieci anni per portare a termine questo viaggio. Ora sono felicissimo”, dice Joshua Jok Joik, laureato in medicina all’università di Juba, in Sud Sudan.

Il campo profughi gestito dalle Nazioni Unite nella capitale Juba ospita circa 40mila persone. Qui gli studenti universitari che hanno dovuto lasciare le loro case a causa della guerra civile cercano di portare avanti gli studi.
Sono tre aule di bambù, polverose e bruciate dal sole durante la stagione secca, colpite da forti piogge nel resto dell’anno.
Ospitano un centro di istruzione superiore e non riparano con altre strutture erette in giro: siamo in un sito di protezione dei civili delle Nazioni Unite, il PoC3, ai margini di Juba, la capitale del Sud Sudan.
Qui siamo abituati a vivere in modo temporaneo … a lungo termine.

“Siamo in esilio nel nostro paese”, codardo, irritato, Wiyual Wuor Maluel, laureato in comunicazione all’Università di Juba. Come altri studenti, il suo corso universitario è stato bruscamente interrotto quando i combattimenti sono scoppiati il ​​15 dicembre 2013, tra le forze fedeli al presidente Salva Kiir, dal popolo Dinka e quelli dell’ex vice presidente. Riek Machar, nuer. “Dalla crisi, e fino ad ora, non abbiamo nessun posto dove andare.
Wiyual è riuscito a ottenere il suo BA dall’Università di Juba nel 2017, nonostante la guerra e il timore di lasciare questa area sicura.

https://www.internazionale.it/video/2018/01/31/guerra-civile-studenti-sud-sudan

Leave a Reply